SKIPE

08/12/07

GRAZIE MARIA PER ESSERE VENUTA TRA NOI

Lourdes: incontro con Maria, incontro con una vocazione, strada di Vita e per sempre.
Quando sono andata a Lourdes, la prima volta, avevo poco più di 18 anni. Mia madre con la mia sorella più piccola, handicappata, andava da alcuni anni in pellegrinaggio con l'Unitalsi e ritornavano così piene di gioia e con tanta forza, malgrado un viaggio ed un soggiorno talvolta molto faticoso per loro : questo era per me il primo miracolo. Andando alla stazione ad accompagnarle, alla partenza ed al ritorno, restavo colpita del clima di fraternità e di gioia e di preghiera così intensa che si era stabilito tra i partecipanti a questi pellegrinaggi. Facevo una vita molto impegnata, lavoravo, studiavo, ero impegnata con alcuni amici in una esperienza di condivisione ecclesiale, avevo molto amici con i quali condividevo nei nostri momenti liberi, la "pizza", e i campeggi al mare! Mia madre mi diceva ogni anno, "vieni anche tu !" ma io avevo paura, avevo paura di fare fronte alla sofferenza, di restarle accanto, di essere incapace di vivere così intensamente per 10 giorni vicino a persone colpite dalla malattia e da certe malattie davvero gravi : mi bastava avere in famiglia mia sorella, non volevo entrare in rapporto diretto con nessun altra realtà fisicamente incurabile davanti alla quale mi sentivo impotente ! E poi, il tipo di fede che si viveva a Lourdes non era conforme al mio spirito. Era, a mio avviso, una fede troppo bigotta: recitare rosari, andare spesso a messa ed in processione, non erano cosa per me! Come tante altre persone della mia generazione avevo un certo modo di pensare: Dio sì, ma della pratica religiosa e della chiesa istituzionale ne facevo volentieri a meno! Solo lo stretto necessario per dirmi…cristiana! Ero però attratta fortemente da quei pellegrinaggi e alla fine ho deciso di accompagnare mia madre e sono partita anche io. Durante il viaggio cominciai ad entrare in tensione: i giovani così felici ed in preghiera accanto ai malati, questi bambini lacerati nella carne ma con lo sguardo di paradiso, questo clima continuo di preghiera e di servizio di cui non sentivi mai la stanchezza! Mi sentivo fuori dalla mia stessa persona, come se un'altra Carmen stesse vivendo al mio posto questi istanti. Mi ricordo il primo istante davanti al grotta : fu "normale" inginocchiarmi e guardarLa! Dal primo momento capii che non mi trovavo davanti ad una delle numerose statue della Madonna che c'erano in chiesa e anche nella mia famiglia ! Quella "Presenza" di Maria, fu immediatamente chiara nel mio cuore e in nessuno posto al mondo, nemmeno nel mio monastero, dopo anni di vita contemplativa, ho potuto sentirla così profondamente vera e in nessun altra parte del mondo ho vissuto un rapporto così appassionatamente vero e vivo con una realtà così immensa com’è la grotta di Massabielle e di cui non riesco a parlare in modo adeguato, anche perché, parlando solo umanamente, direi una cosa impossibile, ma spiritualmente parlando so solo che è vera perché l'ho vissuta per dieci anni e ancora continuo a viverla dentro di me e... insieme a Lei. La mia vita non è cambiata subito, ma un tarlo ha cominciato a rodermi dentro : Lourdes mi era entrata dentro, faceva parte di me e mi accompagnava ogni giorno : ogni anno aspettavo, come se fosse la cosa più importante, il tempo del pellegrinaggio, perché quei pochi giorni passati con Lei mi accompagnavano, al mio ritorno, nella mia vita quotidiana. È' a Lourdes che ho capito quale era la mia vocazione, è a Lourdes che davanti a Maria ho dato la notizia della mia entrata in monastero, a mia madre, è a Lourdes che la mia fede è cambiata totalmente. Ci sono voluti dieci anni, ma dopo questi anni la mia vita è cambiata o forse è cambiata un poco alla volta. Ciò che mi resta nell’anima di questo luogo e di questa Presenza di Maria, è semplicemente un grande amore : per Dio, per Lei, per la chiesa, per l’uomo, per tutto ciò che ci dà veramente una gioia vera e infinita su questa terra e che ci prepara all’incontro definitivo con Dio, attraverso la quotidianità e la semplicità delle nostre storie di vita. Vi auguro di cuore di incontrare Maria e di vivere la Sua Presenza nella vostra giornata.
E allora oggi io le dico grazie e mi sento in festa con Maria!
Buona festa dell’Immacolata!

1 commento:

  1. Grazie (seppur in ritardo).. e tra poco c'è pure la ricorrenza di un'altra apparizione mariana: quella di Guadalupe a cui sono molto devoti gli americani,,

    RispondiElimina